Monterotondo: svolto convegno su sclerosi multipla.


(IRIS) – ROMA, 19 GIU – “Il 15 giugno a Monterotondo si è svolto il convegno sulle realtà della sclerosi multipla con le associazioni di settore, organizzato dall’Associazione Donne per la Sicurezza onlus nella persona del vicepresidente Roberta Sibaud in collaborazione con l’Amministrazione Comunale di Monterotondo e Scleroradio, la prima web radio che darà voce alle persone affette da Sclerosi Multipla. L’associazione ringrazia l’on.le Maurizio Perazzolo, presidente della Commissione Lavoro, Politiche Sociali, giovanili e pari opportunità della Regione Lazio per la sua presenza e per la sensibilità dimostrata avvalorata dal plauso delle persone presenti”.

E’ quanto riferisce un comunicato dell’associazione ‘Donne per la Sicurezza’.

“Nel corso del convegno, l’on.le Perazzolo ha annunciato lo stanziamento approvato insieme all’assessore ai servizi sociali Aldo Forte, di 50mila euro in favore dell’Università La Sapienza di Roma, Dipartimento di Scienze Cardiovascolari, Respiratorie, Nefrologiche e geriatriche Primario Prof. Francesco Fedele, per l’implementazione dell’osservatorio sul fenomeno dell’insufficienza venosa cronica cerebrospinale (CCSVI)” spiega l’associazione.

“L’istituzione di un osservatorio sul fenomeno dell’insufficienza venosa cronica cerebrospinale (CCSVI), è un passo fondamentale per riuscire a raccogliere più dati possibili sui fattori concomitanti riscontrati nei pazienti con Sclerosi Multipla e quindi aiutare la ricerca” dice Perazzolo.

“Ha partecipato al convegno il Prof. Sandro Mandolesi, docente in Emodinamica Venosa presso la scuola di Cardiologia dell’Università La Sapienza, che ha illustrato la funzionalità dell’Osservatorio affinché si abbia un raccolta dati uniformata e standardizzata di tutti i centri regionali e nazionali e ha dato l’annuncio importante che a fine mese di giugno, al Policlinico Umberto I si ricomincerà lo studio secondo la nuova classificazione identificata dalla scuola romana, iniziato nel 2010 sulla CCSVI, la patologia venosa intuita dal Prof. Zamboni correlata alla Sclerosi Multipla.

Nel corso del convegno è stato ricordato il concittadino monterotondese Ing. Giuseppe Cucci, per quanto fatto in questi anni nell’ambito del panorama associativo italiano riguardante la Sclerosi Multipla e sono state ascoltate le associazioni che si occupano di Sclerosi Multipla, in un clima sereno, propositivo e di confronto fra associazioni ed istituzioni” conclude ‘Donne per la Sicurezza’.

Comments

One Coment

RSS
  • franco De Benedictis says on: gennaio 9, 2013 at 3:37 pm

     

    Sono profondamente convinto che vi sia una diretta dipendenza dell’insorgere della SM
    a causa della CCSVI non solo perchè ho da anni contratto la sclerosi multipla e successivamente mi fu diagnosticata dal Prof. Mandolesi la CCSVI a seguito dell’esame Ecodoppler da lui stesso eseguito. Ma anche per eventi personali che mi spinsero a contrarre i muscoli del collo (fortissimo stress)e che solo dopo pochi mesi si evidenziarono con l’insorgere dei primi sintomi della S.M. (neurite ottica all’occhio sinistro,blocco improvviso di una gamba, accentuata mancanza di equilibrio ecc.)

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*